Close

Category:

Interviews

  • Interviews Mom&Kids Life Senza categoria

    Interview: Ma come fa a fare tutto? Olga di Mammaholic

    In ogni mail scambiata con Olga da qualche mese a questa parte, le ho sempre chiesto, come faceva a fare tutto! E poco è bastato perchè le mandassi qualche domande per rispondere all’intervista! Ed ecco che per questo mese la protagonista è lei: Olga di Mammaholic, un blog pieno di ironia, che nel giro di pochi mesi è diventato uno dei mommy blog più seguiti! Come faccia a fare tutto rimane per me ancora un mistero! Ringrazio ancora Olga anche per i tuoi post creati per Style for Moms fino ad ora, in bocca al lupo per tutto!
    Presentazione

    Sono Olga, ho 30 anni quasi 31, sono nata a Catania ma vivo a Milano da ormai 10 anni. Una laurea in diritto d’impresa ed un lavoro come trademark attorney. Nel 2010 ho sposato Simone e nel 2011 e 2013 sono diventata mamma di Niccolò (detto Bombetti) e Edoardo (detto Trombetti).
    Quando e come nasce il tuo blog?
    Il mio blog, Mammaholic, è nato il 13 febbraio del 2014. Dico spesso che il merito è di mio marito che mi ha supportata in questa avventura dandomi il giusto coraggio per lanciarmi sul web. Scrivere e leggere sono da sempre due mie grandi passioni ma poi la vita mi ha portata a fare altre scelte, ho studiato legge e intrapreso una professione lontana dal mondo della moda e della scrittura. Non ho iniziato con l’idea di scrivere un baby fashion blog, questa etichetta l’ho “costruita” con il tempo rendendomi conto che quello che scrivevo aveva sempre un lato ironico e una parte di “fashion”; cerco di non usare filtri (tranne quelli fotografici, sia chiaro!) nella rappresentazione di me e della mia famiglia, scrivendo con un linguaggio diretto e divertente.
    In poco tempo il tuo blog è diventato un punto di riferimento nel mondo dei mommy blog, quanto tempo dedichi al blog ogni giorno?
    Ti rigrazio per il complimento J. Dedico al blog parecchio tempo che ritaglio qua e là, mi sento una piccola ape operosa o una sarta a seconda i punti di vista!In termini di ore, direi almeno 4 al giorno soprattutto serali nei giorni lavorativi, di più durante il weekend. Il tempo è necessario non solo per la scrittura dei post ma anche per la gestione dei vari canali social e per una serie di progetti collaterali dei quali mi sto occupando ultimamente (e che vedrete a breve!)
    E le collaborazioni con le aziende come nascono?
    Le collaborazioni nascono in vario modo: tramite le fiere di settore (il Pitti Bimbo soprattutto), le conoscenze che si creano sul web con pr ed agenzie, il contatto diretto (sono spesso i brand a contattarmi) ma anche per caso: ci si scopre sui social (soprattutto su Instagram nel mio caso) e ci si “riconosce”. Intendo dire che si pensa e si progetta un’idea comune che possa essere coerente con il marchio ed il mio “mondo”.
    Come è cambiata la tua vita da quando sei diventata mamma?
    La vita di una donna che diventa mamma cambia radicalmente, non mi fido mai di chi afferma che non ci sono poi grossi cambiamenti. Ed il cambiamento in sé porta sentimenti e sensazioni contrastanti: grande gioia ed entusiasmo ma anche responsabilità, ansie e nervosismo. Ma devo dire che il bilancio è sempre in positivo, per usare le parole di mio marito “siamo un’azienda (noi ed i nostri figli) nata dal nulla e mai in perdita, anzi!”
    Sei lavoratrice, blogger  e mamma, come fai a fare tutto?
    Sono molto fortunata e mi sento una privilegiata. Sono io a chiedermi come facciano a fare tutto le mamme che non hanno aiuti. Io ho marito, asili, nonni e baby sitter che mi supportano e piano piano ho imparato a delegare ed a selezionare (faccio solo lo stretto necessario, soprattutto per quanto attiene la gestione della casa). Ammetto anche che sotto pressione, caratterialmente, rendo di più: se ho del tempo libero generalmente lo spreco!
    Hai qualche consiglio per le mamme e future mamme che cercano di tenere in piedi tutto?
    Primo fra tutti “Keep calm and wear stripes!”. Chi mi segue sa che sono un’amante delle righe e se le indosso la giornata assume una piega del tutto diversa!Aldilà dello scherzo credo che le mamme debbano imparare a volersi un po’ più bene ed a colpevolizzarsi meno per le loro “presunte” mancanze. Ridendo spesso e volentieri.
  • Interviews Senza categoria

    Intervista: ma come fa a fare tutto? Serena alias SereVariabile

    E’ inutile che continui a scrivere “con molto piacere vi presento” perchè tutte le mamme che intervisto sono strepitose, ognuna ha e fa qualcosa di speciale. Questa volta è il turno di Serena, mamma e crafter, una delle prime che ho seguito quando sono approdata ormai tre anni fa su Instagram. Serena mi ha subito colpita per i suoi bellissimi orecchini fatti all’uncinetto. Delicati e leggeri: avere un paio di orecchini made by SereVariabile era un must! Poi Serena condivide la sua bella notizia, era in arrivo il suo bimbo! E da qui che ha iniziato a acreare tante cosine per i bimbi! Non perdetevi quindi il suo negozietto su Etsy! E ora la sua intervista!
    Presentazione
    Sono Serena, mamma di Zeno Alberto di 14 mesi e di Figaro il nostro gatto nero e peloso:-). Compagna di Andrea da ormai 8 anni..a quando il matrimonio?! Lavoro a metà giornata nell’azienda di famiglia, mentre l’altra metá della giornata faccio la mamma a tutto tondo!
    A cosa ti ispiri per le tue creazioni?
    Mi diletto ormai da anni con l’uncinetto, il feltro e la stoffa, ma da quando sono diventata mamma non poteva mancare una serie di accessori x bimbi! Le mie idee arrivano proprio da Zeno, vedendo le sue esigenze cambiare di mese in mese cerco in inventarmi qualcosa di unico e personalizzato per creare momenti di gioco e decorare i suoi spazi.
    Hai fatto qualche corso?
    Per quanto riguarda l’uncinetto non ho fatto nessun corso, sono autodidatta grazie anche all’aiuto di mia mamma. Anzi qualche corso in casa lo tengo io se qualcuna fosse interessata 😉
    Come è cambiata la tua vita da quando sei diventata mamma?
    Da quando sono diventata mamma la mia vita non è stata solo cambiata… ma stravolta completamente! Si è colorata di 1000 colori e il sorriso del mio bambino è la cosa che conta veramente!
    Sei lavoratrice, crafter e mamma, come fai a fare tutto e hai qualche consiglio per le mamme e future mamme che cercano di tenere in piedi tutto?
    Il segreto?! Mettersela via che non si riesce a fare tutto! Ogni giorno mi do qualche piccolo obiettivo, continuare un progetto a cui sto lavorando mentre il piccolo fa il suo pisolino, riordinare un altro giorno… caffè con le amiche un altro ancora! E se la pila di panno sporchi aumenta… amen…domani è un altro giorno 😉
    Non perdetevi le sue creazioni e anche le sue splendide foto su Instagram!
    Arianna
     
  • Interviews Senza categoria

    Intervista: Ma come fa a fare tutto? Sara di Perle di Cotone

    Vi ho già scritto che questa è una delle mie rubriche preferite: poter intervistare mamme, creative, imprenditrici per lo più di se stesse, è per me un grande onore e ogni mese poter leggere le loro risposte e capire come fanno a gestire tutto, mi fa imparare ogni volta qualcosa in più!
    Anche questo mese ho avuto il piacere di intervistare una grande donna, che ho avuto anche il piacere di conoscere di persona a novembre a Natale al Poggio.
    Sto parlando di Sara, una donna che ha fatto della sua passione un lavoro, che è riuscita a creare dai tesori della sua famiglia dei gioielli straordinari, dandogli così nuova vita. Ma non solo…. Come sempre lascio la parola alla protagonista dell’intervista.
    Presentazione con nome, cognome, lavoro, nome attività e blog, bambini
    Mi chiamo Sara Arduini, ho 29 anni e da quasi otto mesi sono mamma di Luisa. Sono un’artigiana e mi occupo di bijoux e accessori tessili, realizzati principalmente in pizzo, con componenti handmade e vintage, sotto il marchio Perle di Cotone. A supporto e corollario di questa attività, tengo anche un omonimo blog.
     

     

     
    Come e quando nasce la tua attività? 
    Perle di cotone nasce nell’estate 2011 come piccolo negozio di bijoux, aperto per sfuggire ad una strada da secondo grafico alla scrivania 9 ore al giorno che già mi stava non stretta, di più. Si è poi evoluto negli anni fino a diventare quello che è oggi, un piccolo marchio di bijoux e accessori, realizzati principalmente con tecniche e materiali naturali e tradizionali. 
    Come nascono i gioielli che crei? 
    Mi piace dire nascono da un armadio pieno di vecchie scatole. Scatole di pizzi, paillettes, scampoli, campioni di lavori realizzati decenni fa. Raccolti da una nonna che ha sempre amato conservare tutto, ma che mai avrebbe creduto che un giorno, da tutto questo, la nipote avrebbe creato una passione e, poco dopo, un lavoro. Da poco quell’armadio, insieme a tutto il suo contenuto, è passato a me. Quindi ora ho una responsabilità in più. Scoprire, esaltare e valorizzare nel miglior modo possibile quei quei fili, quei merletti, che per qualcuno erano veri e propri tesori.
     
     
    Il tuo blog che ruolo ha nella tua attività? 
    Sul blog racconto il dietro le quinte delle mie creazioni, le mie ispirazioni. Credo che le persone nell’acquisto di un oggetto siano fortemente influenzate dalla sua storia, per questo cerco per quanto possibile di “raccontare” le mie produzioni. E per questo il blog rimane ancora lo strumento principale. 
    Lo utilizzo anche come piccola piazza virtuale dove mettere timidamente in mostra le mie fotografie, visto che sto studiando per migliorarmi in questa affascinante arte, ma su questo abbiamo ancora molto da lavorare….
     
     
    Che rapporto hai con i social network?
    Sono fortemente intollerante verso chi cerca polemica solo per mettersi in mostra, oppure pubblica contenuti volgari, offensivi, non credo sia quella la sede. Mi piace invece usarli come veicolo di positività, di bellezza, di creatività, di ispirazione. E ho una legeriiiisima dipendenza da instagram e pinterest 🙂

     

     

    Sei lavoratrice, mamma, creativa, blogger e tanto altro: come fai a fare tutto?
    Prima di tutto, quando ho scoperto di aspettare Luisa, ho chiuso il mio negozio fisico e ho avviato un’attività artigianale con vendita esclusivamente online. Questo credo sia stato il passo più difficile e rischioso ma anche più significativo nella mia organizzazione domestica. Che ora mi porta ad avere si i rischi e gli oneri della libera professionista con bimba appresso 24/24h, ma anche tanta, tanta libertà di gestione del tempo. 
    Inoltre, beh, la sveglia entro le 6,30 ed eliminare la tv danno comunque una buona mano e ti regalano un buon surplus di tempo da utilizzare in maniera più creativa e produttiva.
    Hai qualche consiglio per le mamme e future mamme che cercano di tenere in piedi tutto?
    Posso raccontarvi come mi comporto io. Da quando sono diventata mamma mi sono concessa tre mesi abbondanti di stop. All’interno dei quali mi sono presa il tempo per imparare a conoscere Luisa e a individuare un minimo le sue preferenze, i suoi ritmi. Ho imparato per esempio che alla sera ha bisogno di coccole, mentre alla mattina ama poltrire anche fino alle 9, e che io sia li al suo fianco o meno a lei non interessa più di tanto. Quindi, inutile intestardirmi a voler lavorare alla sera, finirei per ritrovarmi a mezzanotte con un esserino ancora urlante in braccio e senza aver combinato nulla. Meglio puntare la sveglia alle 6 e sfruttare quelle preziose ore mattutine. Sulla base di questo ho organizzato i miei ritmi di lavoro. Quindi il consiglio che posso dare è: osservateli, ascoltateli. E, ovviamente per quanto possibile e finche sono piccoli, cercate di organizzare gli impegni e le ore lavorative sulla base delle loro esigenze e preferenze, e tutto sarà più facile.
    Inoltre, cosa che ho imparato a mie spese, niente remore, orgoglio o paura nel chiedere aiuto. Familiari, amici, vicini di casa forse nemmeno immaginano che abbiamo bisogno di loro, forse se solo glie lo chiedessimo sarebbero ben felici di darci ogni tanto una mano in casa o coi piccoli!
    Infine per le mamme di piccolini e le future mamme, consiglio un’occhiata al mondo del portare, con fascia o marsupio ergonomico. Non solo perché semplifica enormemente la vita e se dovete lavorare in loro presenza anche il lavoro, ma anche e soprattutto  per i benefici a breve, medio e lungo termine che questa pratica potrà regalarvi. 
    (tutte le foto sono di Sara di Perle di Cotone)
    Grazie mille a Sara per averci raccontato qualcosa di sè e della sua vita!
    Se volete andare a trovarla ecco i suoi riferimenti
    Alla prossima intervista!
    Arianna

     

  • Interviews Senza categoria

    Interviste: ma come fa a fare tutto? La nostra Francesca de La Sottile Linea Rosa

    Oggi l’intervista è stata fatta ad una persona molto vicina, perchè è stata una delle prime contributor di Style for Moms! Francesca mette il cuore in tutto quello che fa, e vi assicuro che fa veramente un sacco di cose! E’ proprio una di quelle persone che leggo e seguo sempre, e ogni volta mi viene da chiedermi “ma come fa a fare tutto?” Mamma, moglie, donna, blogger, lavoratrice, crafter, fotografa…. Francesca fa veramente tante cose e ogni volta mi chiedo se le sue giornate sono di 48 ore! Francy, hai tutta la mia stima per tutto quello che fai! I miei complimenti davvero!
    Ma vediamo un pò insieme chi è e cosa fa Francesca!
    Presentazione
    Nome, cognome, lavoro, bambini
    Ciao a tutte, mi chiamo Francesca Fossali ho quasi 31 anni e sono mamma da quasi un anno del mio piccolo grande amore Alessandro! Nella vita “reale” sono un’impiegata, nella vita “virtuale” sono una blogger, appassionata di fotografia ed handmade, di viaggi e di tanto tanto altro purché sia bello e mi faccia stare bene!

     

    Come e quando nasce il tuo blog?
    Il mio blog nasce il 16 febbraio 2012, all’epoca non avevo ancora le idee molto chiare, “crescendo” ho capito qual’era la mia strada!
    Ho conosciuto tante brave blogger con passioni comuni alle mie e mi si è aperto un vero e proprio mondo!
    Ogni giorno ho idee nuove, ispirazioni, ambizioni e sono davvero enormemente soddisfatta di questa “Second life”!
    E le tue tracolline? Come ti è venuta l’idea?
    Le mie tracolline sono la somma delle mie passioni, fotografia ed handmade! Ammetto di non aver inventato nulla, ma di aver preso ispirazione da due bravissime fotografe americane che hanno una linea di tracolline bellissime ma a dei prezzi un po’ altini e così ho pensato “perché non iniziare a farle io, fatte a mano e ad un prezzo decisamente più basso?” E così nel marzo del 2013 ho iniziato come assoluta anteprima in Italia aprendo anche il mio Etsy shop, tutt’ora aperto!
    A cosa ti ispiri per le tue creazioni?
    Mi ispiro a ciò che mi piace, a ciò che indosserei! Vorrei far sentire a proprio agio e speciali tutte coloro che vogliono indossare un accessorio unico e introvabile! Qualcosa che quando l’amica ti osserva e ti dice “wow dove l’hai preso?!” Avete presente?
    Sei lavoratrice, mamma, blogger, gestisci il tuo negozietto su Etsy, come fai a fare tutto?
    Ammetto che non è facile e di essere molto fortunata: senza un aiuto tutto questo non sarebbe possibile e devo quindi ringraziare le nonne di Alessandro che mi aiutano a tenerlo sia quando vado a lavoro sia quando mi ritaglio del tempo per cucire!
    Ma il bello arriverà il 28 gennaio, quando riprenderò a lavorare full time e non ci sarà più nonna che tenga, il mio unico tempo libero sarà la sera dopo cena, momento che dovrò dividere tra blog, foto e cucito…e per fortuna Alessandro è bravo: alle 21 è a nanna e io un paio d’ore le dedicherò ai miei hobby!
    Per quel che riguarda marito e casa…be alla casa mi dedico principalmente nel weekend e in più ogni giorno tengo sempre in ordine e pulito, per quel che riguarda il marito anche lui si ritaglia degli spazi per i suoi hobbies come è giusto che sia, quindi cercheremo di sincronizzarci (ihihih) sebbene comunque per il marito…c’è sempre tempo (aggiungerei tanti cuoricini a questa affermazione se si potesse)!
    Hai qualche consiglio per le mamme e future mamme che cercano di tenere in piedi tutto?
    Be che consiglio posso dare? Non è affatto facile conciliare tutto, famiglia, figlio, marito, casa e…hobby! Bisogna innanzitutto essere molto ordinate e organizzate, convinte di non voler rinunciare ai propri spazi, e non disdegnare l’aiuto di nessuno, non ci vedo assolutamente nulla di male! E se purtroppo non c’è nessuno che vi può aiutare be, i bambini crescono e diventano sempre più indipendenti, chi prima chi dopo, dopo una pausa si riprende alla grande, basta volerlo, perché non dobbiamo mai dimenticarci di noi stesse, di questo i nostri figli ci ringrazieranno!!!
    Grazie Francesca, per questa bella intervista!
    E voi la seguite già?
     
  • Interviews Senza categoria

    Interviste: Ma come fa a fare tutto? Alessandra di Pesca e Fragola

    Pronte per conoscere o conoscere meglio per questo mese un’altra fantastica donna, mamma, lavoratrice ed imprenditrice? Oggi vi voglio presentare Alessandra, da poco diventata mamma per la seconda volta! Lei è troppo dolce, ed ha un negozietto su Etsy davvero bello! Ma come sempre lascio la parola alla protagonista!! Ecco a Voi, Alessandra, in arte “Alebuba”!
    Presentazione
    Sono Alessandra, mamma di due piccole meraviglie di 4 anni e mezzo e 4 mesi e mezzo: Carlotta, conosciuta a tutti come “buba” (da qui il mio nick su ig -alebuba-) e Camilla, che in principio chiamavamo “mini”, ma ora non ce la sentiamo più con i suoi quasi 8 kg di morbidezza. Non sono una mamma molto organizzata, precisa e puntuale, però cerco di fare del mio meglio per mettere insieme i nostri momenti della giornata: in quattro è tutto un po’ più impegnativo.
    Quando e come nasce il tuo negozio online?
    Il mio negozietto su etsy nasce ormai quasi due anni fa, quando così, per gioco, alcune amiche hanno chiesto a me e mia sorella (la mia “socia” in pesca e fragola) di preparare alcune delle cosine che facevamo per noi da regalare come pensierini di Natale. All’inizio non sapevamo quello che stavamo facendo, poi metti una foto qua e condividi un paio di tweet là, ci siamo fatte un po’ conoscere anche da persone al di fuori della nostra cerchia stretta di amicizie. Oggi pesca e fragola è una bella realtà, alla quale ci dedichiamo con un po’ meno impegno rispetto a qualche tempo fa, ma che ci da sempre delle belle soddisfazioni e che ci ha permesso di conoscere un sacco di persone stupende!
    A cosa ti ispiri per le tue creazioni?
    Non credo di avere una vera e propria ispirazione, nelle mie creazioni. Sicuramente quello che facciamo lo facciamo perchè in primis piace a noi. I  braccialetti li abbiamo sempre ai nostri polsi, le custodie per smartphone accompagnano i nostri Iphone. Il primo prototipo di qualsiasi cosa che avete visto nel nostro etsy shop o sui nostri profili, nasce sempre come una nostra esigenza.
    Hai fatto qualche corso?
    Assolutamente no. L’handmade di pesca e fragola è tutto faidate. 🙂
    E per i mercatini come ti organizzi? E’ possibile seguire un tuo calendario?
    I mercatini sono davvero delle esperienze bellissime: innanzitutto perchè ti permettono di conoscere altre creative che condividono le tue passioni, ma anche perchè puoi davvero mostrare un numero maggiore di cose che produci (a differenza delle foto). Non abbiamo un calendario particolare, anche perchè non partecipiamo a molti. Al momento ne abbiamo solo uno in calendario che si svolgerà a Trento, domenica 14 dicembre, in concomitanza con i mercatini di Natale (se siete dalle nostre parti, veniteci a trovare che ci fa sempre un sacco piacere!)

    Da poco tempo sei diventata mamma bis, cosa è cambiato nella tua vita?
    Tutto!!!!!!! La vita in quattro è davvero un cambiamento enorme e, anche se le nostre bimbe sono state entrambe molto brave nel conoscersi fino ad ora, la rivoluzione è totale. L’amore di una mamma si moltiplica, ma il tempo si deve dividere e non è sempre facile. Il lavoro di squadra diventa necessario e io devo proprio ringraziare Carlo (mio marito) per la pazienza e le attenzioni che sta dedicando alle sue donne di casa. Far tutto non è sempre facile e bisogna darsi delle priorità. Il tempo per me stessa scarseggia, ma qualche momento libero lo trovo comunque per riprendermi un attimo dalle corse di tutti i giorni.
    Hai qualche consiglio per le mamme e future mamme che cercano di tenere in piedi tutto?
    Consigli non ne so dare, ma credo che ogni mamma, ognuna a modo suo, si debba ricavare uno spazio: chi in cucina, chi dal parrucchiere, chi davanti ad una macchina da cucire… di mattina, mentre i bimbi dormono, chiedendo aiuto a qualcuno! Sappiamo essere super quando vogliamo….dobbiamo solo volerlo!
    Grazie ancora ad Alessandra per averci parlato di lei e della sua vita! Vi lascio il link al suo negozio, direi che è il periodo giusto no?
    Alla prossima intervista!
    Arianna