Quando abbiamo preso l’appartamento in cui stiamo attualmente, ho sempre saputo che non sarebbe stata la casa “per sempre”. Eravamo giovani, neanche sposati, la decisione di andare a convivere era stata presa in modo naturale. Un appartamento con tutte le cose a misura. Anzi forse anche troppo grande, avendo due stanze da letto. Lo abbiamo arredato con amore, ma con le possibilità che avevamo allora. Senza neanche pensare troppo allo stile che gli volevamo dare. Troppo giovani e forse immaturi per avere un gusto predefinito per sapere veramente cosa ci piaceva e cosa sarebbe potuto essere funzionale o meno. Dopo due anni dall’inizio della convivenza ci siamo sposati e dopo quattro anni stavamo preparando la casa per accogliere non uno ma due neonati. I successivi due anni, dopo la nascita dei bimbi, sono stati impegnativi, di certo non avevamo la testa per pensare di immergerci nella ricerca di una nuova casa. Sicuramente ci siamo accorti di stare stretti, ma davvero non avevo le forze. Poi nell’autunno 2015 abbiamo iniziato a parlare di cosa avremo voluto e cosa ci sarebbe piaciuto, conti alla mano abbiamo iniziato la ricerca. Non so quanti annunci abbiamo visionato, quante porzioni di case ho visto. Poi un giorno di primavera, dopo aver visto l’ennesima casa con giardino sono tornata  da mio marito e ho detto: “Ma noi siamo sicuri di volere un giardino? Io ho il pollice nero, tu non hai mai tempo, un giardino necessita di essere curato…” e così che abbiamo stravolto i nostri piani e ci siamo messi alla ricerca di tutt’altro rispetto a quanto visto fino a quel momento. Ora il desiderio era un grande appartamento con terrazza. Non è stato semplice, la zona in cui viviamo e in cui vogliamo rimanere alle porte di Padova, non aveva molte soluzioni da prendere in considerazione. Poi a luglio ci propongono un progetto, stupendo, quello che cercavamo in tutto e per tutto. L’unico problema è che dovevano ancora iniziare a costruirlo!! Ammetto che io mi vedevo da lì poco tempo già in una casa nuova, più grande  e l’idea di spostare tutte le mie aspettative di un anno, forse più è stata veramente dura. Ma abbiamo voluto vedere i lati positivi: la casa che volevamo, nella zona in cui volevamo restare e tutto da scegliere come volevamo. Ed eccoci qui, il tempo è passato, la meta è sempre più vicina. I mesi sono passati in fretta e ora ci troviamo nel vortice di “scegli i pavimenti, i rubinetti, dove vuoi le prese?!” E’ davvero impegnativo, ma chiudo gli occhi e vedo tutto così chiaramente e non vedo l’ora che tutto sia pronto e finito! Quando? Spero presto. A vederla così mi sembra impossibile che possa diventare la casa che vedo nei progetti ma ammetto che tante scelte stanno avvenendo in maniera naturale senza troppe indecisioni. Fondamentale è stato avvalerci dell’aiuto di uno specialista del settore che ci sta accompagnando passo passo a creare ciò che è nelle nostre menti. Sono entrata subito in sintonia con l’ArchitettA, ha capito il nostro stile e le nostre esigenze e non mi muovo senza i suoi consigli. E’ chiaro che le decisioni finali spettano a noi, anzi a me perchè mio marito mi sta delegando tutto!Però è entusiasmante davvero, impegnativo sì ma non vedo l’ora sia tutto finito! Ah sì l’ho già detto?!

Vi lascio qualche foto alle quali ci siamo ispirati. Stiamo seguendo qualche trend del momento, la base è sicuramente il bianco e il legno, e stiamo giocando con i toni del grigio. Sì, stile nordico e minimal, ma desidero una tela neutra sulla quale poter giocare nel tempo, con accessori vari, per non stancarmi mai!

Porteremo con noi alcuni arredamenti della nostra attuale casa,altri invece saranno completamente nuovi! Mi sembra tutto così lontano, sono sicura che quando ci trasferiremo sembrerà tutto un sogno!