Quante volte ci troviamo a chiedere ai nostri bimbi come è andata la scuola o la giornata appena li andiamo a prendere? A me capita tutti i giorni e la risposta è sempre “bene”. Stop, nessun’altra affermazione sulle ore appena trascorse. E inoltre quando chiedo, cosa hanno fatto mi rispondono anche “niente”. Ma questo non è possibile, lo so benissimo. Le attività della giornata sono tante! Così ho iniziato a riflettere e sono arrivata alla conclusione che subito dopo la scuola i bimbi sono stanchi, sono appena usciti da un’ambiente che seppur amano, fortunatamente, hanno voglia di dimenticarsene. E poco tempo fa ho trovato un interessante articolo online che spiegava come porre ai bambini tutte le sere quattro semplici domande che racchiudono in sè tanto delle esperienze e delle emozioni dei bambini.

Queste quattro semplici domande vanno fatte alla sera, prima di dormire e aiutano i bambini a raccontare la loro giornata, ma in realtà sono un invito ad esprimere le proprie emozioni. Ma vediamole nel dettaglio.

COSA HAI FATTO OGGI, RACCONTAMI DELLA TUA GIORNATA

Si tratta di una domanda aperta, che serve per creare un’atmosfera di intimità tra l’adulto e il bambino. Se il bambino non risponde, bisogna incalzarlo, anche facendoli delle domande trabocchetto: “ma come sei stato a casa tutto il giorno?!”

QUALE E’ LA COSA PIU’ BELLA CHE HAI FATTO, LA COSA CHE TI E’ PIACIUTA DI PIU’? 

Con questa domanda possiamo capire meglio i gusti dei nostri bambini, quello che preferiscono fare, che sia disegnare, cantare, giocare a un gioco in particolare. In questo modo posssiamo capire i suoi gusti e capire anche le attività che possiamo organizzare con lui.QUALE E’ LA COSA CHE TI E’ PIACIUTA MENO, COSA NON TI E’ PIACIUTO FARE? 

Al contrario della domanda sopra, il bambino ci farà capire quello che non ama fare o se siamo più fortunati ci potrebbe raccontare qualche emozione negativa , potrebbe essere un’arrabbiatura o una delusione e sarà l’occasione per spiegargli come funzionano certe dinamiche tra amicizie o tra il rapporto bimbo/maestra per esempio.

COSA HAI IMPARATO OGGI? 

Si parte dalla canzone o poesia nuova, un balletto, un gioco nuovo oppure la cosa che gli abbiamo appena spiegato in relazione alla domanda “cosa non ti è piaciuto fare? ”

Quattro semplici domande dunque, ma che possono farci capire tanto del nostro bimbo e possiamo insegnargli così ed esprimersi, raccontarsi. Oltre al fatto che può diventare una bellissima routine da adottare ogni sera per farsi confidenze e raccontarsi segreti! E perchè no, magari possiamo raccontare anche noi a loro la nostra giornata. Sappiamo che i bimbi sono sempre molto curiosi di sapere cosa facciamo quando non siamo con loro e in questo modo potranno impareranno a capire il perchè di alcune abitudini famigliari!

Io ho iniziato a farlo da un pò di tempo con i miei bimbi, ammetto di non riuscire tutte le sere, per dimenticanza o semplice stanchezza, ma voglio ripromettermi di farlo sempre di più!

Mi fate sapere se lo fate anche voi?

Arianna

PS. le foto di questo post sono della cameretta di Gregorio e Sebastiano. Ho voluta fotografarla per fare da contorno a questo post ma anche per avere un ricordo della loro prima stanza: tra pochi mesi cambieremo casa e ammetto che mi dispiacerà lasciare questo luogo carico di ricordi!