Close

Tag:

libri

  • Senza categoria

    Una lettura scientifica sul.. VERME!!

    Il verme, Elise Gravel, Salani Editore

    Il mio istinto irrefrenabile di entrare in libreria e fare acquisti ha colpito ancora..ho comprato un altro libro!!

    Ero da sola e mi sono lasciata ispirare da una copertina che raffigurava un simpatico vermiciattolo rosa..mi aspettavo una storiella simpatica ma sfogliandolo mi sono accorta che era tutta un’altra cosa.

    Il libro,infatti,ha carattere scientifico e parla di questo animaletto strisciante proprio con il taglio di una piccola enciclopedia per bambini.

    Si spiega che appartiene alla famiglia degli invertebrati, che non ha occhi, dove vive, quante tipologie di vermi  esistono ecc.ecc. la cosa più divertente sono gli interventi del protagonista.
    Sì, proprio  così, se nella pagina di sinistra ci sono le nozioni scientifiche, in quella di destra il protagonista interviene facendo domande o battute simpatiche che rivolge al lettore.

    Che risate si è fatto Mister G quando dopo aver letto che il verme non ha il cervello, abbiamo guardato la pagina a fianco e lo abbiamo visto frugare in una borsa esclamando: “Come sarebbe senza cervello? Eppure ero convinto di averne uno da qualche parte..”

    Senza dubbio un libro piacevole, che unisce scienza e ilarità..passando

    nozioni che risulterebbero noiose in un modo innovativo e che ai bambini piace tanto. Quanti di noi adesso e da piccoli ci sentivamo attratti da questi “piccoli animaletti disgustosi”? E quante volte li  abbiamo studiati a scuola impegnandoci a imparare parole difficili  come invertebrati,fotorecettori, tubo digerente ecc ecc? Leggendo questo simpatico libro ci si ricordano con facilità proprio grazie agli interventi comici dell’animaletto.

    Con questo libro si danno risposte vere e fondate sull’anatomia ma si fanno anche quattro risate! Davvero un’idea geniale e un nome divertente per la collana “gli schifosetti”. Non vi sto a dire che mio figlio reclama a gran voce anche l’altro volume della collana: La mosca.

    Provare per credere!!
    Francy

  • Senza categoria

    Un libro che ci ha accompagnato durante le festività natalizie: Il mondo segreto di Babbo Natale

    Il mondo segreto di Babbo Natale, di Alan Snow, Mondadori
    Ormai siamo tornati a pieno ritmo nella quotidianità e abbiamo pure smontato gli addobbi ma prima di chiudere il capitolo festività natalizie 2014 voglio dare un ultimo sguardo al libro che durante quei giorni abbiamo letto tante e tante volte.

    Come al solito lo abbiamo trovato in biblioteca pochi giorni prima della vigilia di Natale e ogni sera non ci siamo addormentati senza averlo letto..davvero una piacevole scoperta.

    La sua caratteristica principale è quella di spiegare minuziosamente tutto ciò che riguarda Babbo Natale  ed è in grado di rispondere con definizioni dettagliatissime alla miriade di  domande che ci pongono i nostri bambini: dove abita? Come fa a preparare i regali per tutti i bambini? Come fa a sapere cosa  vogliamo? Come fa a sapere se siamo stati bravi? ecc..ecc..
    Ognuno di noi sa che ai nostri figli le domande e i “perchè” non mancano mai 😉

    Mister G è rimasto affascinato non solo dalle spiegazioni che leggevo (lo sapevate che ogni anno vengono reclutati migliaia di nuovi elfi che si trasferiscono al Polo Nord per iscriversi alla SSE Scuola Superiore per Elfi? E che dopo le lezioni introduttive devono scegliersi un corso di specializzazione scegliendo fra: Medicina per renne, scienza dei regali, Esaudimento desideri, Logistica trasporti e molti molti altri?)

    Di grande interesse per lui sono state anche  le immagini, ricche di particolari, fumettate e molto molto colorate. Per lui era come giocare a cercare l’intruso, si sedeva col libro tra le gambe a guardare minuziosamente tutti i particolari..credetemi era bello anche per me.

    Non vi anticipo altro..vi dico solo che se da piccola avessi potuto  leggere questo libro avrei fugato tanti tanti dubbi su Babbo Natale..è un ottimo aiuto per coltivare la fantasia dei nostri bambini che continueranno a sognare Santa Claus ancora per molto tempo..in fondo anche da adulti è bello leggere qualcosa su di lui..perchè la nostra parte “bambina”sorriderà scorrendo fra quelle righe, anche noi siamo affascinati da quel buon uomo con la barba bianca e forse, di nascosto, anche noi gli chiediamo di esaudire qualche nostro desiderio.

    Buona lettura!

    Francy

  • Senza categoria

    Favola e ricetta d’autunno: zuppa di zucca.

    Quali immagini evoca una pentola fumante di zuppa di zucca?

    A casa mia, solo belle sensazioni.
    Come quelle provate in una serata d’autunno, mentre la zuppa cuoceva, colorata e profumata sui fornelli, il marito attizzava il fuoco nel camino ed io leggevo ad alta voce, ai bambini, un libro bellissimo che per l’appunto si intitola “Zuppa di zucca”.
    Una serata ricca di contenuti e buon cibo, per la gioia del palato e della mente. Mi piace condividere con voi sia la ricetta che la storia.
    Cominciamo dalla storia, giusto per creare l’atmosfera…

     

    Tre amici, un gatto, una paperella ed uno scoiattolo, vivevano insieme in una accogliente casetta circondata da un giardino di zucche.
    La sera amavano cucinare insieme la loro pietanza preferita: la zuppa di zucca.
    Ognuno aveva un compito definito e personale: lo scoiattolo dosava gli ingredienti nella pentola, il gatto mescolava e la paperella aggiustava di sale.
    La zuppa di zucca, preparata sempre con la stessa successione di gesti e il rispetto dei ruoli, era prelibata. Finché un giorno la paperella volle sovvertire quest’ordine costituito e si impossessò del mestolo del gatto per provare a mescolare.
    Non era un dispetto ai suoi amici né una sfida fine a se stessa. Che i suoi amici le consentissero di cambiare ruolo, per la paperella era una prova di fiducia.
    Gli amici, però, non colsero questo spirito e si infuriarono. Nell’escalation del litigio e dell’ orgoglio ferito, la paperella disse addio ai suoi amici, fece i bagagli e abbandonò la casa.
    Presto gli amici si pentirono della loro reazione ostinata e andarono a cercarla nel bosco, ovunque e faticosamente.
    Fu quando, stremati, si arresero e tornarono a casa, che trovarono una sorpresa ad attenderli: la paperella, vinta ogni permalosità e guidata solo dalla nostalgia, era tornata da loro.
    E indovinate da cosa fu consacrata la pace?

    Da una cena comunitaria a base di zuppa di zucca…

    (Zuppa di zucca, di Helen Cooper, Fabbri editore)
    Quanto mi piace questa storia! Con immagini splendide e una narrazione semplice, adatta ai bambini più piccoli, “Zuppa di zucca” esprime i sentimenti più comuni ai grandi amici: il bisogno di fare delle cose insieme, di condividere la tavola, di essere riconosciuto dal proprio amico, di fare sempre la pace dopo ogni fisiologico conflitto.
    Con questa storia in testa, è stato ancora più soddisfacente preparare e gustare la nostra zuppa di zucca.

    Ed ecco la ricetta.
    Ingredienti
    –        1 kg di zucca
    –        3 patate medie
    –        una cipolla media
    –        prezzemolo
    –        due carote
    –        sale e pepe q.b.
    Procedimento
    Tritare finemente, con un mixer, le carote, la cipolla ed il prezzemolo e far rosolare in olio extravergine d’oliva in una pentola alta. Abbassare la fiamma ed aggiungere la zucca e le patate a cubetti facendole insaporire per qualche minuto nel soffritto.
    Aggiungere acqua e sale o del brodo, fino a coprire gli ortaggi.
    Far cuocere per una mezzoretta (il tempo totale dipenderà dalla consistenza di patate e zucca).
    Al termine della cottura si può decidere se mangiare la zuppa con un filo d’olio, un po’ di pepe e qualche crostino di pane oppure eliminare un po’ d’acqua di cottura e frullare la zuppa per farne una vellutata.
    A me piacciono entrambe le versioni ma mia figlia preferisce la “pappa arancione”, la vellutata di zucca alla quale aggiungo un po’ di formaggio fresco cremoso.
    E così, come nella storia, anche la nostra serata ha un lieto fine: una cena nutriente, dal colore sgargiante e dal gusto delicato.
    Che ne dite? Vi stuzzica un po’?
    Ketty
  • Mom&Kids Life Senza categoria

    Letture sotto l’ombrellone (e non solo) per i più piccoli

    Buongiorno a tutti e ben ritrovati in questo bel salotto!
    Ormai saremo quasi tutti i vacanza o staremo preparando le valige, ma magari anche no, qualcuno potrebbe averle già fatte, rimane il fatto che… è agosto per tutti!
    Io onestamente sono già al mare ed ovviamente prima di partire una piccola “revisioncina” dalla pediatra per Ale non è mancata! Prova superata a pieni voti naturalmente, e insieme a questo siamo usciti con qualche bel consiglio da parte della pediatra, un consiglio particolare e speciale: un invito alla lettura già a partire dai 6 mesi di vita!
    Insieme al consiglio sono arrivati questi due opuscoli!
    Spero si leggano abbastanza bene, comunque le immagini riportano tutti i dettagli e le indicazioni per le varie fasce di età. Infine sull’ultima immagine, ci sono dei suggerimenti di lettura.
    Ho deciso di mostravi questi due opuscoli perché ho trovato il consiglio davvero bellissimo.
    Effettivamente Alessandro, sia alla nascita che al Battesimo, ha ricevuto parecchi libri e quindi perché non cogliere subito la palla al balzo ed iniziare a farlo innamorare della lettura e dei libri?!
    Voi cosa ne pensate?
    Un abbraccio e buona estate a tutti!!!

    Francesca